Guarda vicino per andare lontano! San Salvario si muove… in rete

Qua­li i mez­zi per usci­re da que­sta pan­de­mia e dare un segna­le com­pat­to di col­la­bo­ra­zio­ne e visi­bi­li­tà? Ad esem­pio impa­ra­re a diven­ta­re turi­sti e con­su­ma­to­ri più atten­ti e con­sa­pe­vo­li!
Vener­dì 26 mar­zo, per la Gior­na­ta “M’illumino di meno”, insie­me a Gui­de Bogia­nen – Tori­no, Clo­set San Sal­va­rio e Abbas­so Impat­to vivre­mo un sal­to “vir­tua­le” a San Sal­va­rio, tra arti­gia­na­to e cibo di qua­li­tà, per sco­pri­re un modo diver­so di fare impre­sa pun­tan­do sul­la soste­ni­bi­li­tà e sul fare rete.
Un’e­spe­rien­za di turi­smo len­to in for­ma vir­tua­le e un pic­co­lo assag­gio dei per­cor­si che si potran­no vive­re per le stra­de con­cre­ta­men­te insie­me non appe­na sarà pos­si­bi­le.
Basta col­le­gar­si a Face­book alle ore 17.00  (sul­le pagi­ne di Mer­ca­to Cir­co­la­re, Gui­de Bogia­nen, Abbas­so Impat­to e Clo­set San Sal­va­rio) per “guar­da­re vici­no per anda­re lon­ta­no”, come reci­ta il tito­lo dell’iniziativa, attra­ver­so una visi­ta gui­da­ta a bas­so impat­to nel sor­pren­den­te quar­tie­re di San Salvario.

Tra let­tu­re poe­ti­co-tea­tra­li e appro­fon­di­men­ti sui prin­ci­pi dell’economia cir­co­la­re i par­te­ci­pan­ti al webi­nar gra­tui­to impa­re­ran­no a guar­da­re il mon­do con occhi nuo­vi, rein­ven­tan­do­si turi­sti del­la pro­pria cit­tà (ma il per­cor­so è aper­to anche a turi­sti vir­tua­li di altre cit­tà). Avre­mo come com­pa­gni di avven­tu­ra le reti: Clo­set, che rac­co­glie ate­lier e labo­ra­to­ri arti­gia­na­li che pro­pon­go­no uno shop­ping alter­na­ti­vo, ricer­ca­to e soste­ni­bi­le, e Abbas­so Impat­to, che uni­sce azien­de, eser­ci­zi di risto­ra­zio­ne e ospi­ta­li­tà, con l’obiettivo di ridur­re gli impat­ti ambien­ta­li nei con­su­mi. Entram­bi spe­ri­men­ta­no un modo diver­so di fare impre­sa pun­tan­do sul­la soste­ni­bi­li­tà e sul fare rete. All’interno dei loro net­work tro­via­mo real­tà che lavo­ra­no e tra­sfor­ma­no mate­ria pri­ma di qua­li­tà, idean­do pro­dot­ti che pos­so­no dura­re nel tem­po e pro­muo­ven­do il lavo­ro eti­co e sociale.