Donne, scoprite sul lavoro la tigre che è in voi

In tem­po di pan­de­mia, lo smart wor­king è entra­to di pre­po­ten­za nel nostro ‘modus ope­ran­di’ sul lavo­ro. All’inizio sem­bra­va una solu­zio­ne tem­po­ra­nea, ora a distan­za di un anno se ne ragio­na a fon­do per capi­re se e con per qua­li ragio­ni potreb­be rap­pre­sen­ta­re per chi lo svol­ge anche una oppor­tu­ni­tà per rimet­ter­si in gio­co in modo diver­so e reinventarsi. 

Que­sto e tan­to altro, con un pun­to di osser­va­zio­ne al fem­mi­ni­le, è sta­to inda­ga­to in un bell’articolo a fir­ma di Sabi­na Pigna­ta­ro su “Io don­na” del Cor­rie­re del­la Sera di saba­to scor­so. E ad illu­strar­ne i con­te­nu­ti ecco a pie­na pagi­na una bel­lis­si­ma illu­stra­zio­ne di cui rico­no­scia­mo il segno e la palet­te cro­ma­ti­ca. E’ la feli­ce inter­pre­ta­zio­ne gra­fi­ca dell’Illustratrice Valen­ti­na Bon­gio­van­ni pro­ta­go­ni­sta sul nostro sito nel­la sezio­ne “Under 35“. Si tra­sfe­ri­sce in segno il con­cet­to che da situa­zio­ne “sospe­sa” la moda­li­tà smart wor­king ha mos­so in tan­te don­ne la volon­tà di rea­gi­re in modo dina­mi­co ren­den­do­si più pro­po­si­ti­ve e crea­ti­ve di quan­to non fos­se­ro in uffi­cio. Insom­ma don­ne che dismet­to­no l’atteggiamento da coni­gli e con gio­ia fan­no emer­ge­re le qua­li­tà grin­to­se del­la tigre che è in loro. Valen­ti­na con­di­vi­dia­mo la tua feli­ci­tà! Otti­ma gra­ti­fi­ca­zio­ne professionale.