Massimo Torassa, sogni e produzioni di un ecodesigner


“Fare. Saper fare. Saper far fare e, ulti­ma­men­te, con i social, far sape­re”. Mas­si­mo Toras­sa, ani­ma e pro­prie­ta­rio del­la sel­le­ria “Con­sell”, la più anti­ca di Tori­no, sin­te­tiz­za così la sua mol­te­pli­ce atti­vi­tà che dal­la ripa­ra­zio­ne di sedi­li di auto d’e­po­ca, lo ha por­ta­to a rea­liz­za­re una linea di bor­se, in pez­zi uni­ci, tut­te con tes­su­ti e pez­zi di auto­vet­tu­re ed ogget­ti d’ar­re­do, anche que­sti secon­do la filo­so­fia del vero riu­so. “Quan­do cer­co di spie­ga­re cosa fac­cio – rac­con­ta sor­ri­den­do un po’ in ita­lia­no ed un po’ in pie­mon­te­se – la gen­te mi guar­da un po’ stra­no”. In real­tà, basta entra­re nel suo nego­zio bot­te­ga di via Val­pra­to 16, per esse­re accol­ti da un alle­gro disor­di­ne e tra sedi­li, roto­li di pel­la­me, vede­re sul sop­pal­co una cas­sa­pan­ca rea­liz­za­ta con il fron­ta­le del­la vec­chia 500 e sga­bel­li colo­ra­ti fat­ti con i bido­ni dell’olio.

La sto­ria di que­sta bot­te­ga par­te da lon­ta­no, dal 1920, “con Pinin, il padre di mio suo­ce­ro, nato nel 1870, che dopo un’e­spe­rien­za di lavo­ro alla Pinin­fa­ri­na, si licen­ziò ed aprì la Con­sell, ini­zial­men­te in cor­so Fran­cia”. Un’at­ti­vi­tà che pro­se­gue ormai da tre gene­ra­zio­ni e che, si nar­ra, vide tra i suoi clien­ti anche la Casa Rea­le ingle­se, quan­do al capo­sti­pi­te Pinin fu com­mis­sio­na­to il lavo­ro di tap­pez­ze­ria per una car­roz­za per la regi­na madre.

Nel 1982 – rac­con­ta Mas­si­mo Toras­sa – ven­ni a fare l’ap­pren­di­sta in que­sta bot­te­ga con quel­lo che l’an­no dopo sareb­be diven­ta­to mio suo­ce­ro”. L’at­ti­vi­tà pro­se­gue, anche dopo la scom­par­sa del papà di sua moglie ma Mas­si­mo Toras­sa amplia un po’ per vol­ta il suo rag­gio d’a­zio­ne: “ave­vo comin­cia­to a pro­dur­re dei diva­ni con pez­zi del Mag­gio­lo­ne, del­la 500 ed un po’ per vol­ta ho intro­dot­to un po’ di arte, di crea­ti­vi­tà nel mio lavo­ro”. Nasce così il mar­chio auto-mobi­li che pro­du­ce appun­to pez­zi di arre­da­men­to con la con­ta­mi­na­zio­ne di par­ti di vetture.

La stra­da ver­so il rici­clo è aper­ta ma la vera svol­ta arri­va il 12 mar­zo 2012, quan­do nasce “Rebelt”, si trat­ta di bor­se rea­liz­za­te inte­ra­men­te con tes­su­ti di auto rici­cla­ti. “Un’i­dea – spie­ga – nata davan­ti ad un qua­dro di Mon­drian, affa­sci­na­to da colo­ri e com­po­si­zio­ni che mi ispi­ra­ro­no la crea­zio­ne di que­ste bor­se. Una del­le tan­te coin­ci­den­ze del­la mia vita: qual­che tem­po dopo ho sco­per­to, infat­ti, che io e que­sto pit­to­re era­va­mo nati lo stes­so gior­no, il 7 mar­zo”. “Con la nasci­ta di Rebelt acqui­sto la con­sa­pe­vo­lez­za di una cer­ta ani­ma di arti­sta anche se non rie­sco a tro­va­re una defi­ni­zio­ne, che mi si adat­ti. Fino a quan­do la tro­vo, in un libro sul rici­clo e riu­so. Sono un eco-desi­gner, una per­so­na che vuo­le dare una secon­da vita agli ogget­ti. E le bor­se che creo voglio­no dare que­sto mes­sag­gio: una Tori­no che si rin­no­va attin­gen­do al suo pas­sa­to industriale.

Rebelt è sta­ta un neces­si­tà per ridur­re l’im­pat­to ambien­ta­le”. Ma Mas­si­mo Toras­sa non si fer­ma, anche in perio­do di pan­de­mia sono nate idee nuo­ve. “Io non bevo, non fumo ma quan­do creo, quan­do ho que­ste idee mi sen­to gio­va­ne. Se tu hai vis­su­to la pover­tà – riflet­te – ed io l’ho vis­su­ta, l’o­do­re del­la pover­tà te lo por­te­rai sem­pre addos­so e cer­che­rai sem­pre un’al­ter­na­ti­va al tuo lavo­ro, anche se non ne hai biso­gno. For­se è per que­sto che io ho con­ti­nua­men­te voglia di met­ter­mi alla pro­va con nuo­ve realizzazioni”. 

Quin­di, in futu­ro, cosa dob­bia­mo aspet­tar­ci? “Ho nota­to che, anche per ceri­mo­nie come i matri­mo­ni o comun­que per pran­zi impor­tan­ti, la gen­te, ulti­ma­men­te, pre­fe­ri­sce affi­dar­si al cate­ring. Da qui l’i­dea di rea­liz­za­re  tavo­li e  sedie uti­liz­zan­do i musi del­la 500 di Dan­te Gia­co­sa da met­te­re a dispo­si­zio­ne in occa­sio­ne di que­sti even­ti”. Il pro­get­to è già in fase avan­za­ta e pro­ba­bil­men­te tra pochi mesi lo potre­mo vede­re rea­liz­za­to, l’e­co desi­gner Toras­sa non si ferma!!

CONSELL AUTOSELLERIA
Via Val­pra­to 16 – 10155 Torino
Tel.011/2481698
www.conselltorino.it

REBELT
www.rebeltorino.it