Sartoria artistica teatrale: un mondo magico da valorizzare

È un luo­go mera­vi­glio­so, in cui l’ar­te pren­de vita. Le sen­sa­zio­ni, le emo­zio­ni, i desi­de­ri, com­pon­go­no il retro­sce­na del­la fan­ta­sti­ca atti­vi­tà del­la Sar­to­ria Arti­sti­ca Tea­tra­le che visi­tia­mo que­sta set­ti­ma­na. Gra­zie a que­sto mon­do il pre­gio del­l’an­ti­co non sva­ni­rà, e gra­zie all’a­mo­re per la cul­tu­ra si potrà crea­re una real­tà anco­ra più coin­vol­gen­te. Situa­ta nel cuo­re di Tori­no, la Sar­to­ria Arti­sti­ca Tea­tra­le diven­ta ben pre­sto anche per noi il cen­tro del­le emo­zio­ni.
Poter viag­gia­re indie­tro nel tem­po e deci­de­re qua­li momen­ti rivi­ve­re. Medioe­vo, Rina­sci­men­to, Illu­mi­ni­smo, la sto­ria si ripe­te, impa­ria­mo dal pas­sa­to per miglio­ra­re il futu­ro.
In mez­zo a que­sto straor­di­na­rio patri­mo­nio si può ammi­ra­re l’e­vo­lu­zio­ne del costu­me e del­la moda nel tem­po rima­nen­do incan­ta­ti dal­l’an­ti­co sape­re manua­le, che gra­zie a mani d’o­ro di sapien­ti arti­gia­ni, non sta scom­pa­ren­do.
“Sì ‑ci dice il pro­prie­ta­rio Gio­van­ni Bat­ti­sta Ben­so- sono cir­ca 6.000 abi­ti sto­ri­ci che lascia­no sen­za fiato.Travolgono l’a­ni­ma con infi­ni­te doman­de e curio­si­tà che pos­so­no esse­re sod­di­sfat­te anche attra­ver­so visi­te guidate”.

In aggiun­ta alla col­le­zio­ne per­so­na­le di Gio­van­ni Ben­so si pos­so­no osser­va­re abi­ti rea­liz­za­ti su richie­sta, ela­bo­ra­ti e pro­get­ta­ti nei mini­mi par­ti­co­la­ri con lo sco­po di sod­di­sfa­re le più stra­va­gan­ti richie­ste nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo. “In tut­ti que­sti anni di atti­vi­tà – ci rac­con­ta – abbia­mo col­la­bo­ra­to anche con nume­ro­si tea­tri esem­pio il Tea­tro Regio, per dare libe­ro sfo­go alla fan­ta­sia e crea­re capi dai linea­men­ti uni­ci e spet­ta­co­la­ri”. Il clien­te idea­le?: “Nes­su­no in par­ti­co­la­re. Rea­liz­zia­mo abi­ti fina­liz­za­ti ad esse­re acqui­sta­ti o noleg­gia­ti per even­ti come il Car­ne­va­le di Vene­zia ad esem­pio, rico­stru­zio­ni sto­ri­che. Capi­re il valo­re di que­sto archi­vio sto­ri­co è fon­da­men­ta­le per poter rea­liz­za­re e rico­no­sce­re abi­ti per­fet­ta­men­te com­ba­cian­ti con l’e­po­ca desi­de­ra­ta.
La moda è lo spec­chio del­la socie­tà. Valo­ri come ele­gan­za, clas­se e atten­zio­ni par­ti­co­la­ri ai det­ta­gli lascia­no intra­ve­de­re un momen­to pro­spe­ro e ric­co di armo­nia. Al con­tra­rio, potrem­mo intui­re un momen­to di deca­den­ti­smo. Il pila­stro por­tan­te del­l’in­te­ra Sar­to­ria è Gio­van­ni, il qua­le con le sue pas­sio­ni ha sapu­to dare vita a que­sta fan­ta­sti­ca real­tà. Fin da quan­do era gio­va­ne ha sem­pre avu­to l’a­mo­re e l’in­te­res­se nei con­fron­ti del mon­do del costu­me, ha intra­pre­so suc­ces­si­va­men­te un per­cor­so di stu­di riguar­dan­te quel­l’am­bi­to, pres­so l’Ac­ca­de­mia del­le Bel­le Arti. Nel cor­so del­la sua vita ha col­ti­va­to i suoi sti­mo­li inse­guen­do i pro­pri sogni, ed ora ne sta rac­co­glien­do i frut­ti. In que­sta espe­rien­za risuo­na tut­to il talen­to arti­sti­co del­la Fami­glia Ben­so: non­no pit­to­re e musi­ci­sta, padre inse­gnan­te di musi­ca ma soprat­tut­to sono le due pro­zie di Gio­van­ni fon­da­tri­ci del­la Sar­to­ria a dare il via a que­sta mera­vi­glia che rap­pre­sen­ta dav­ve­ro un uni­cum. Pur­trop­po però que­sta real­tà rischia di scom­pa­ri­re se non impa­ria­mo a dona­re le giu­ste atten­zio­ni. La socie­tà si sta diri­gen­do ver­so un mon­do total­men­te digi­ta­le, in cui il valo­re mate­ria­le abban­do­na il cam­po di gio­co, e si modi­fi­ca­no le rego­le.
“Que­sto perio­do buio ha col­pi­to tut­ti, ma la Sar­to­ria Arti­sti­ca Tea­tra­le deve rima­ne­re un luo­go di illu­mi­na­zio­ne divi­na e sen­so­ria­le. Voglia­mo crea­re un rifu­gio, un posto sicu­ro, per tut­te le per­so­ne che sono vera­men­te affe­zio­na­te e che ama­no l’ar­te. Insie­me ad un team che pian pia­no stia­mo costruen­do, voglia­mo caval­ca­re l’on­da futu­ri­sti­ca misce­lan­do il mon­do anti­co con le tec­no­lo­gie più moder­ne. Tut­to dipen­de da noi, ogni per­so­na può aiu­ta­re e for­ni­re un appog­gio ulte­rio­re per far sì che que­sto sogno diven­ti real­tà. Olo­gram­mi dei vesti­ti sto­ri­ci, laser ad alta defi­ni­zio­ne per crea­re imma­gi­ni tem­po­ra­nee a scom­par­sa…”. Incu­rio­si­ti da tut­to que­sto? Voglia­mo sape­re come fini­rà? Pre­sto in arri­vo tan­te novità.

La moda è lo spec­chio del­la socie­tà. Valo­ri come ele­gan­za, clas­se e atten­zio­ni par­ti­co­la­ri ai det­ta­gli lascia­no intra­ve­de­re un momen­to pro­spe­ro e ric­co di armo­nia. Al con­tra­rio, potrem­mo intui­re un momen­to di deca­den­ti­smo. Il pila­stro por­tan­te del­l’in­te­ra Sar­to­ria è Gio­van­ni, il qua­le con le sue pas­sio­ni ha sapu­to dare vita a que­sta fan­ta­sti­ca real­tà. Fin da quan­do era gio­va­ne ha sem­pre avu­to l’a­mo­re e l’in­te­res­se nei con­fron­ti del mon­do del costu­me, ha intra­pre­so suc­ces­si­va­men­te un per­cor­so di stu­di riguar­dan­te quel­l’am­bi­to, pres­so l’Ac­ca­de­mia del­le Bel­le Arti. Nel cor­so del­la sua vita ha col­ti­va­to i suoi sti­mo­li inse­guen­do i pro­pri sogni, ed ora ne sta rac­co­glien­do i frut­ti. In que­sta espe­rien­za risuo­na tut­to il talen­to arti­sti­co del­la Fami­glia Ben­so: non­no pit­to­re e musi­ci­sta, padre inse­gnan­te di musi­ca ma soprat­tut­to sono le due pro­zie di Gio­van­ni fon­da­tri­ci del­la Sar­to­ria a dare il via a que­sta mera­vi­glia che rap­pre­sen­ta dav­ve­ro un uni­cum. Pur­trop­po però que­sta real­tà rischia di scom­pa­ri­re se non impa­ria­mo a dona­re le giu­ste atten­zio­ni. La socie­tà si sta diri­gen­do ver­so un mon­do total­men­te digi­ta­le, in cui il valo­re mate­ria­le abban­do­na il cam­po di gio­co, e si modi­fi­ca­no le rego­le.
“Que­sto perio­do buio ha col­pi­to tut­ti, ma la Sar­to­ria Arti­sti­ca Tea­tra­le deve rima­ne­re un luo­go di illu­mi­na­zio­ne divi­na e sen­so­ria­le. Voglia­mo crea­re un rifu­gio, un posto sicu­ro, per tut­te le per­so­ne che sono vera­men­te affe­zio­na­te e che ama­no l’ar­te. Insie­me ad un team che pian pia­no stia­mo costruen­do, voglia­mo caval­ca­re l’on­da futu­ri­sti­ca misce­lan­do il mon­do anti­co con le tec­no­lo­gie più moder­ne. Tut­to dipen­de da noi, ogni per­so­na può aiu­ta­re e for­ni­re un appog­gio ulte­rio­re per far sì che que­sto sogno diven­ti real­tà. Olo­gram­mi dei vesti­ti sto­ri­ci, laser ad alta defi­ni­zio­ne per crea­re imma­gi­ni tem­po­ra­nee a scom­par­sa…”. Incu­rio­si­ti da tut­to que­sto? Voglia­mo sape­re come fini­rà? Pre­sto in arri­vo tan­te novità.

SARTORIA ARTISTICA TEATRALE
Via Pas­sa­lac­qua ‚10
Tel . 011/5625728   335/6764075
info@sartoriaartisticateatrale.com
www.sartoriaartisticateatrale.com
www.facebook.com/sartoriartisticateatrale
www.instagram.com/sartoriartisticateatrale/?hl=it