Liliana La Vecchia, la calligrafia e la magia delle parole


“Per me le paro­le sono impor­tan­ti,​ ho sco­per­to che c’è ma­gia nel­le paro­le. Le paro­le sono ener­gia se noi le sap­pia­mo usa­re bene”. Lilia­na La Vec­chia racconta­,​ così,​ nel suo s­tudio labo­ra­to­rio,​ l’at­ti­vi­tà di calli­grafa, che da mol­ti anni accom­pa­gna la sua vita. Sul tavo­lo i suoi lavo­ri, carto­ncini, tavo­le ed a fianco​ anche comple­menti​ di arre­do, un tavo­li­no, una lamp­ada​ ​ che atten­do­no di esse­re trasform­ati​ dai suoi tratt­i. “Per me – spie­ga- non è un sem­pli­ce eser­ci­zio vir­tuo­so o di capa­ci­tà nel­la sc­rittura,​ mi intere­ssa uti­liz­za­re la ca­lligrafia per dire qual­co­sa e dir­lo nel modo in cui pia­ce a me, cercando​ grafi­smi nuo­vi e cercando­,addirittura,​ qual­che vol­ta di nascon­de­re il mes­sag­gio perché­,​ secon­do me, è mo­lto bel­lo anda­re a sco­pri­re quel­lo che c’è scrit­to.​ Per me non è mai disgiun­to il mes­sag­gio dal­la cal­li­gra­fia o meglio a me pia­ce quan­do sto facen­do una cosa veder­la rea­liz­za­re un po’ per vol­ta in ter­mi­ni concreti”.
“A me – rac­con­ta – da pic­co­la pi­aceva fare la maga, ecco si potrebbe​ dire​ che que­sti lav­ori sono per me tan­ti pic­co­li riti, dove c’è scrit­to qual­che cosa e c’è anche l’­intenzione di comuni­care qual­che cosa at­traverso l’im­ma­gi­ne. Non è esclu­si­va­men­te calligrafia”.

Il per­cor­so di Lilia­na è ric­co di esperi­enze: “ho fat­to tan­te cose: illustrazion­e,​ editoria​ scol­astica per vive­re, ho ven­du­to anche mutui per vive­re. Ho fat­to la sce­no­gra­fa,​ all’i­ni­zio,​ quando​ sono usci­ta dall’­Accademia, ho fat­to la costu­mi­sta. Poi con alcu­ni ami­ci abbia­mo aper­to un nego­zio di comple­menti di arre­do e con loro per un cer­to perio­do abbia­mo lavo­rato crean­do diver­si pez­zi uni­ci. Lavo­ra­vo già tan­tis­si­mo sull’aspet­to figu­ra­ti­vo. Infi­ne, l’ap­pro­do all­‘insegnamento. A me pia­ce mol­to comunica­re con la gente​ ed ora che fac­cio l’in­segnante mi ren­do co­nto che mi pia­ce anc­ora di più”.

In paral­le­lo a quest­o, Lilia­na non ha mai abban­do­na­to l’atti­vità arti­sti­ca con un per­cor­so che arri­va da lon­ta­no,​ dal­la scuo­la supe­rio­re “dove ho avu­to un gra­nde arti­sta come mae­stro, Mario Gian­so­ne. Un arti­sta che con­tinua anco­ra oggi per me ad esse­re un un’im­por­tan­te for­ma di ispi­ra­zio­ne. Devo rin­gra­zia­re lui di tu­tto quel­lo che ho im­parato. Lui e una ma­estra cal­li­gra­fa che con­ti­nuo a segui­re anco­ra ades­so che si chia­ma Kit­ty Sabati­er, sono riferime­nti nel­la mia vita mol­to importanti “.

Il per­cor­so pro­se­gue oggi con un lavo­ro di ricer­ca, con sem­pre atten­zio­ne al mess­aggio, ai particolar­i,​ all’im­ma­gi­ne. “Fac­cio col­la­ge, fac­cio lavo­ri con una pseu­do inci­sio­ne ossia lavo­ro con l’inchi­ostro cal­li­gra­fi­co diret­ta­men­te sul fogl­io, crean­do così pez­zi uni­ci. Mi pia­ce lavo­ra­re con i carton­cini,​ con car­te di­verse,​ mi pia­ce l’­arte appli­ca­ta utili­zzando ad esem­pio ta­volini,​ lam­pa­de,​ para­ven­ti,​ mensol­e.​ Ogget­ti che spe­sso rici­clo o che a vol­te fac­cio ex novo. Attra­ver­so il pass­aparola mi arri­va­no le richie­ste di pers­one che spes­so vogli­ono ogget­ti su misur­a. Ho appe­na termina­to un albe­ro genealo­gico fat­to su un gran­de pannello”.

Inse­gnan­te, arti­sta, arti­gia­na,​ come ti senti?
“Sia­mo tal­men­te tan­te cose, io non mi co­nsidero madre solo, moglie solo, arti­sta solo, arti­gia­na sol­o. Non sono neanche​ solo cal­li­gra­fa, lo sono in par­te ed in par­te cer­co la mia espres­sio­ne.​​ Quel­lo che pos­so dire è che que­sta par­te di me chia­ma, ha sem­pre chiamato​ e ciclica­mente pren­de il sopr­avvento sul resto. È una moda­li­tà di vit­a. Io da sem­pre sono inna­mo­ra­ta dei segni e dei colo­ri. For­se – con­clu­de – arri­ve­rà il pun­to in cui vor­rò fare so­lo que­sto. Non mi po­ngo il pro­ble­ma di chi sono, so che la paro­la, l’im­ma­gi­ne, la ricer­ca del loro signi­fi­ca­to faran­no sem­pre par­te di me”.

Lilia­na La Vecchia
Atelier
Via Cri­stal­lie­ra 11
Torino

www.lilianalavecchia.it
liliana.lavecchia@gmail.com