Valentina Bongiovanni: l’illustratrice artigiana

Ani­ma­li colo­ra­ti, un po’ fia­be­schi. Sono i prin­ci­pa­li pro­ta­go­ni­sti del mon­do di Valen­ti­na Bon­gio­van­ni, illu­stra­tri­ce free­lan­ce, nem­me­no tren­ta anni di età ma deter­mi­na­ta e con già una cer­ta voce in capi­to­lo nel settore.

Dopo aver fre­quen­ta­to lo IAAD a Tori­no, aver fat­to tap­pa in cit­tà euro­pee come Madrid ed Amster­dam, sce­glie il master di illu­stra­zio­ne edi­to­ria­le al Mi.Master di Mila­no. La stra­da a quel pun­to è segna­ta. “Ho deci­so di evi­ta­re – rac­con­ta nel suo stu­dio tori­ne­se – il mon­do dei new­spa­pers. A me pia­ce lavo­ra­re con le pic­co­le e medie impre­se”. E da lì nasco­no le col­la­bo­ra­zio­ni. L’ul­ti­ma con Beeo­pack, ossia la rea­liz­za­zio­ne di una col­le­zio­ne di pel­li­co­le ali­men­ta­ri eco­lo­gi­che in tes­su­to coto­ne imbe­vu­to di una misce­la a base di cera d’a­pi per con­ser­va­re i cibi. ” Una col­la­bo­ra­zio­ne  che mi è pia­ciu­ta mol­to” rac­con­ta Valen­ti­na pre­an­nun­cian­do per l’e­sta­te una nuo­va usci­ta con una col­le­zio­ne di sapo­re mari­no ma sem­pre bio­com­pa­ti­bi­le e rispet­to­so dell’ambiente.

Dopo poco più di due anni di atti­vi­tà, Valen­ti­na può van­ta­re diver­se col­la­bo­ra­zio­ni, fra que­ste quel­le con Car­pa­no, Super­ga e Cario­ca,  con il brand di bor­se mila­ne­se ” Scar­let­Vir­go ” ed anche con “Extra­li­be­ri” , l’as­so­cia­zio­ne che fa lavo­ra­re i dete­nu­ti del car­ce­re di Tori­no nel cam­po del­la seri­gra­fia. Ogni anno poi per l’8 mar­zo rea­liz­za una figu­ra di don­na e chis­sà che pri­ma o poi tut­to que­sto si tra­sfor­mi in una mostra personale.

I cam­pi di illu­stra­zio­ne sono mol­te­pli­ci, dal­le tra­di­zio­na­li stam­pe, ai vasi, cap­pel­li­ni di lana, maglie e bor­se. Tut­ti con­trad­di­stin­ti da un “super con­tra­sto cro­ma­ti­co e colo­ri fre­schi “. ” A vol­te sono le azien­de che mi cer­ca­no, a vol­te sono io che le con­tat­to, quan­do col­go un mes­sag­gio che mi coin­vol­ge par­ti­co­lar­men­te”.
“Ho ini­zia­to a lavo­ra­re a mati­ta – rac­con­ta  Valen­ti­na – per poi spo­star­mi nel digitale. 

La nuo­va fron­tie­ra del dise­gno digi­ta­le è il soft­ware ” Pro­crea­te Ipad”. Digi­ta­le non signi­fi­ca  meno arti­gia­na­le, sem­pli­ce­men­te una tec­ni­ca diver­sa, più velo­ce che con­sen­te di coglie­re meglio le oppor­tu­ni­tà per un illu­stra­to­re 2.0, di fare modi­fi­che e lascia­re mag­gio­re spa­zio alla crea­ti­vi­tà. Il suo è un mon­do abi­ta­to da mol­ti ani­ma­li (da cui arti­sti­ca­men­te è mol­to sti­mo­la­ta) e qual­che don­na. Tra i social il più uti­liz­za­to è Insta­gram e tra gli illu­stra­to­ri di nuo­va gene­ra­zio­ne, Valen­ti­na ammet­te “c’è mol­ta col­la­bo­ra­zio­ne,  pur nel rispet­to del­la pro­pria esclusività”.

“Il lavo­ro non man­ca – ammet­te – for­se c’è  un po’ di dif­fi­col­tà nel far rico­no­sce­re il valo­re ed il giu­sto prez­zo di ciò che si rea­liz­za ma con il tem­po ho impa­ra­to ad impor­mi con giu­ste argo­men­ta­zio­ni e se neces­sa­rio a dire anche dei no”.

bongiovanni.valentina@gmail.com
Insta­gram